ART – AIM – TECHNIQUE

TECHNIQUE AS A MEAN AND NOT AS AN AIM

Imagine if the Bible was composed by two thousand pages in which it is written: “In the beginning God made heaven and earth, in the beginning God made heaven and earth, in the beginning God made heaven and earth…”. It can be a good idea, it is very important to know that “In the beginning God made heaven and earth”, but where is evolution?! To say it once, it’s enough! (EM)

***

When an artist creates an artwork, something new to offer to the world, he has two ways to do it. An easy way and a more difficult one. There is the highway and there is the forest; a little like in life. Many artists choose the highway. Driving on the highway is easier and safer. When you are on the highway, however, you already know where you arrive and if you see, far away, something you like you cannot go out and discover what it is. The wood, however, is fraught with perils, of wild beasts and does not have a definite direction, but you can go wherever you want and there are many things that you never imagined, no one can tell what you’ll find and where you’ll end up. Translating all this in the world of art is very easy. The artist who decides to proceed on the “art highway”, finds out a technique that satisfies him and meets his audience and, with it, he produces many artworks, sometimes for an entire lifetime. In this case, what the artist can say, through his art, is restricted by the technique itself. The technique reduces his chances, his vision, his experiences. If the artist thinks a concept that feels not being able to accomplish with his technique, he drops it. It also happens that the concept did not even come to his mind as he is used to think within its borders. The artist who decides to walk in the forest of art, instead, is an artist who does not have a well defined technique, but many techniques, and learns them on the road, through the unexpected, the case, and the experience. He has many messages to communicate. He always wants to say something new, he wants to push the boundaries of his audience as well as his. The technique, for him, is just one tool among many. This artist, today, needs to communicate a message and uses a certain technique, tomorrow needs to say something else and uses another technique that fits better to communicate this new type of message. This artist is much more free to think and to create; any message he wants to communicate, he just needs to look around and find the most suitable technique. Unfortunately, today’s audience wants to be able to recognize the artist and many times it is easier to recognize it by technique than by content. The technique appears immediately, the content must be understood, it requires an effort and time as well. Often, in our fast paced world, there is no time. The artist creates a beautiful mold and for an entire lifetime he makes the same cookies; this does not go in the direction of an evolutionary art, but rather bored, locked, and conservative, which is the opposite of what art should be. I’m not saying that every year an artist has to invent a new technique, a new style, but it is clear that if we are talking about a serious artist, who loves to search for his sake and that of humanity, he will not settle for just one technique, just one style in his whole life. I wish to close this short article with a quote from Picasso, an artist who has definitely chosen the art forest. “God is really only another artist. He invented the giraffe, the elephant, and the cat. He has no real style. He just goes on trying different things.

_________________________________________

LA TECNICA COME MEZZO E NON COME FINE

 Pensa se la Bibbia fosse composta da duemila pagine in cui sta scritto: “In principio Dio creò il cielo e la terra, in principio Dio creò il cielo e la terra, in principio Dio creò il cielo e la terra…”. Può essere una buona idea, è molto importante sapere che “In principio Dio creò il cielo e la terra”, ma dov’è l’evoluzione?! Dirlo una volta, è sufficiente! (EM)

***

Quando un artista crea un’opera, qualcosa di nuovo per offrirlo al mondo, ha due modi per farlo. Uno facile e uno più difficile. C’è l’autostrada e c’è la foresta. Un po’ come nella vita. Molti artisti scelgono l’autostrada. Guidare sull’autostrada è più facile e più sicuro però quando sei sull’autostrada sai già dove arriverai e se da lontano vedi qualcosa che ti piace non puoi uscire e andare a scoprire di cosa si tratta. La foresta, invece, è piena di pericoli, di bestie feroci e non ha una direzione ben precisa, ma puoi andare dove vuoi e ci sono tante cose che non avresti mai immaginato; nessuno può dire cosa scoprirai e dove finirai. Tradurre tutto questo nel mondo dell’arte è molto facile. L’artista che decide di procedere sull’”autostrada dell’arte”, trova una tecnica che lo soddisfa e che soddisfa il suo pubblico e con questa produce molte opere, a volte per tutta la vita. In questo caso quello che l’artista riesce a dire, attraverso la sua arte, è limitato dalla sua stessa tecnica. La tecnica riduce le sue possibilità, il suo campo visivo, le sue esperienze. Se l’artista pensa un concetto che sente di non riuscire a realizzare con la sua tecnica lo lascia cadere, non lo realizza. Capita anche che il concetto non gli venga neppure in mente tanto lui è abituato a pensare all’interno dei suoi confini. L’artista che invece decide di camminare nella “foresta dell’arte” è un artista che non ha una tecnica ben definita, ma tante tecniche e che impara le tecniche sulla strada, tramite l’imprevisto, il caso e l’esperienza. Egli ha molti messaggi da comunicare. Egli vuole dire sempre qualcosa di nuovo agli altri, vuole allargare i confini del suo pubblico così come i suoi. La tecnica, per lui, è solo uno strumento fra i tanti. Questo artista, oggi, ha bisogno di dire una cosa e usa una certa tecnica, domani ha bisogno di dire un’altra cosa e usa un’altra tecnica che si adatta meglio, che comunica meglio quel tipo di messaggio. Questo artista è molto più libero di pensare e di creare perchè per qualunque messaggio voglia comunicare deve solo guardarsi intorno e trovare la tecnica più adatta. Purtroppo il pubblico di oggi vuole poter riconoscere l’artista e molte volte è piu facile riconoscerlo dalla tecnica che non dal contenuto. La tecnica appare immediatamente, il contenuto bisogna comprenderlo, fare uno sforzo, investire tempo. Spesso, nel nostro mondo veloce, manca il tempo. L’artista si crea un bello stampo e fa per tutta la vita gli stessi biscotti; questo non va molto nella direzione di un’arte evolutiva, ma piuttosto annoiata, rinchiusa e conservatrice che è tutto il contrario di ciò che l’arte dovrebbe essere. Non sto dicendo che ogni anno un artista debba inventare una nuova tecnica, un nuovo stile, ma è chiaro che se parliamo di un artista serio, che ama ricercare per il bene suo e dell’umanità, non potrà accontentarsi di una sola tecnica, di un solo stile nella sua vita. Vorrei chiudere questo breve articolo con una citazione di Picasso, un artista che ha decisamente scelto il bosco dell’arte. “Dio in realtà non è che un altro artista. Egli ha inventato la giraffa, l’elefante e il gatto. Non ha un vero stile: non fa altro che provare cose diverse.

For further information / Per ulteriori informazioni : www.enricomagnani-art.com

_____________________________________

 Enrico Magnani 2013 © All Rights Reserved
No part of this Blog or any of its contents may be reproduced, copied, modified or adapted, without the prior written consent of the author, unless otherwise indicated for stand-alone materials. You may share this Blog by any of the following means: 1. Using any of the share icons at the bottom of each page (Google Mail, Blogger, Twitter, Facebook, etc.); 2. Providing a back-link or the URL of the content you wish to disseminate; and 3. You may quote extracts from the Blog with attribution to  it [https://enricomagnaniart.wordpress.com]. For any other mode of sharing, please contact the author at the email above. Commercial use and distribution of the contents of the Blog is not allowed without express and prior written consent of the author.

Advertisements

2 thoughts on “ART – AIM – TECHNIQUE

  1. Pingback: Cinque cose che ho imparato sulla scrittura suonando il flauto | strategie evolutive

  2. Pingback: Medioevo | INCHIOSTRO VARIOPINTO

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s